Impresa col sorriso

 

“Un’impresa con il sorriso, e del perché quel sorriso può creare profitto e far vivere tutti meglio”. Poteva essere questo il titolo del post, ma era troppo lungo.

Pare scontato che svegliarsi alla mattina con il buonumore crei i presupposti per una giornata più felice e profittevole. Non è altrettanto scontato riconoscere come far parte di un gruppo di lavoro che inizia la giornata con il sorriso, attivi dinamiche di profitto più interessanti. Anche trovare un ambiente accogliente provoca le condizioni per una redditività diversa.

Abituarsi alla positività crea persone migliori Leggi tutto “Impresa col sorriso”

Aumentare il profitto? Apriti ai contributi più diversi

 

Prove e test risparmiati. Tempo guadagnato. Risultati precisi e definiti.

Questo è il valore dell’attività denominata da Napoleon Hill per primo come “alleanza di cervelli”. Unire infatti a quelle di altri le competenze acquisite da ciascuno nella vita professionale (e non solo), riguardo ad un obiettivo, ad un ostacolo oppure ad una sfida, permette di amplificare l’efficacia e ridurre le possibilità di errore. Leggi tutto “Aumentare il profitto? Apriti ai contributi più diversi”

Una fetta di mercato per aumentare il business

 

Come è possibile avere il locale pieno se a pochi passi da te ce n’è un altro che propone lo stesso prodotto?

Eppure succede molto più spesso di quanto si creda, basta aprire gli occhi e guardare con curiosità ed attenzione a ciò che accade intorno a noi.

Dove andiamo a berci un buon cappuccino questa mattina? Leggi tutto “Una fetta di mercato per aumentare il business”

“È importante. Ti posso disturbare un attimino?”

DIETMAR-RABICH-Disturbare

 

Succede a tutti:
“Ti posso disturbare un attimino? È importante…”
È un collaboratore che interrompe la riunione urgente tra soci. Tanto basta per distogliere l’attenzione e togliere concentrazione. Ma ne valeva davvero la pena? Era proprio così importante, e per chi?

La frase d’esordio già contiene un insieme di dettagli sicuramente perfettibili. Leggi tutto ““È importante. Ti posso disturbare un attimino?””

Pianificare e strutturare obiettivi: come essere più efficaci

JACEK-HALICKI-Pianificazione

 

Testimonianza di un venditore

Le mie aziende mi chiedono di pianificare le attività, di strutturare obiettivi… Avrei bisogno che qualcuno mi spieghi come si fa. Sarà questa la soluzione per aumentare i risultati che voglio avere? So a memoria cosa fare e scrivo le note al volo sul sacchetto del panino che mangio a mezzogiorno. Sono bravo, sul mercato da quasi trent’anni. Ora, però, tutta la mia esperienza pare non essere sufficiente. Per continuare a fare bene il mio lavoro e ottenere risultati, rimettermi a imparare può essere utile. In fondo ho dimostrato che sono capace, adesso è solo questione di tecnica, di avere nuovi strumenti. Leggi tutto “Pianificare e strutturare obiettivi: come essere più efficaci”

E se bastasse decidere di sorridere per essere felici?

by-daniel-schwen

 

Come promesso, riprendo le parole di Amy Cuddy, docente e ricercatrice della Harvard Business School, con cui ho concluso il mio precedente post, per introdurre un argomento stimolante su come utilizzare il linguaggio del corpo per affrontare le sfide professionali e di vita più difficili. Leggi tutto “E se bastasse decidere di sorridere per essere felici?”

Come raggiungere un obiettivo?

by-daniel-schwen1

 

Un grande risultato lo si ottiene per piccoli passi. Ci viene ripetuto spesso, e noi stessi ce lo diciamo. E, ancora: il vero successo non lo si gusta quando si raggiunge la cima bensì mentre si sta camminando. Sono due concetti molto importanti che aiutano a motivarci e a trovare le risorse quando ci pare di non riuscire più ad andare avanti. Leggi tutto “Come raggiungere un obiettivo?”

Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini

marianne-williamson

 

“La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati.
La nostra paura più profonda è di essere potenti oltre ogni limite.
È la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più.
Ci domandiamo: chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso?
In realtà chi sei tu per non esserlo?
Siamo figli di Dio. Il nostro giocare in piccolo non serve al mondo.
Non c’è nulla di illuminato nello sminuire se stessi cosicché gli altri non si sentano insicuri intorno a noi. Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini.
Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi.
Non solo in alcuni di noi: in ognuno di noi.
E quando permettiamo alla luce di risplendere, inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso.
E quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri.”

Marianne Williamson

Trovo questa poesia un augurio davvero bello per tutti noi convinti che la nostra vita sia una meravigliosa occasione da rendere un vero capolavoro.

La poesia di oggi: Marianne Williamson, “La nostra paura più profonda” inserita in “Ritorno all’amore”, My Life Edizioni

(Foto di Lucrezia Mazzilli)

Energia umana, impresa di luce

energia-umana

 

Studi derivanti da test kinesiologici svolti da David Hawking, uno stimato ricercatore e conferenziere americano, hanno misurato l’energia del potere umano e creato una scala di energie che ciascuno di noi, in quanto essere umano, immette nell’universo. Queste energie, entrando in connessione con quelle degli altri, ne generano a loro volta di nuove, in grado di modificare la realtà che percepiamo e viviamo.

È comune anche nella nostra cultura dire che ci sono persone che hanno atteggiamenti negativi e altre che vivono le cose in modo più positivo. Persone con cui è bello stare e altre con cui non vogliamo avere niente a che fare. Ci siamo chiesti perché? Che cosa accade quando entriamo in relazione con un altro essere umano? Prima ancora di ricevere un’impressione, infatti, quando entriamo in contatto, si sprigiona l’attrazione (o non si sprigiona). Leggi tutto “Energia umana, impresa di luce”

È difficile! Sì, e allora?

e-difficile

 

Quante volte ci ripetiamo: “È difficile”? Tante, molte volte al giorno…

Ce lo diciamo ogni volta che non sappiamo fare qualche cosa, e quindi dobbiamo impegnarci per imparare, oppure ogni volta che non la vogliamo fare, per pigrizia o perché non ci piace. Altre volte lo diciamo quando siamo stanchi, o è un momento in cui preferiamo dedicarci ad altro… Leggi tutto “È difficile! Sì, e allora?”